Jessica Caputo

Chi sei? (Un tweet non basta..)

Potrei mentire, edulcorare, ingigantire, o addirittura inventare, voi non lo sapreste mai. Ma voglio essere sincera, e mettere sul piatto qualche pillola di quello che penso di aver capito in questi 25 anni di vita con me. Sono una nerd: la mia colonna dei preferiti è quasi più incasinata della mia camera da letto, e passo le nottate a divorare libri e serie tv. Ho un anima vecchia, non antica, ma proprio vecchia, ed è solo grazie al mio viso da bimba che riesco a camuffare la mia naturale intolleranza verso la superficialità e la bigotteria. Ho studiato scienze della comunicazione a Bologna, una folle eh? Eppure mi intrigava, ed erano i tempi in cui ai ragazzi si ripeteva la filastrocca “senza una laurea non andrai da nessuna parte”. Chi è il folle adesso? Desidero conoscere, sono curiosa per natura. Il tempo non basta. Mai. In una società così ricca di stimoli, come fai a farti bastare il tempo? Non lo fai. Scivoli veloce anche tu in mezzo alla corrente di idee, informazioni (stupidaggini) e novità di ogni tipo che ti travolgono inondandoti il cervello e confondendolo come un surfer sbattuto sott’acqua dall’onda, in un mix improbabile di adrenalina e impotenza.

Chiamatemi ingenua, ma sono felice di non sapere dove sarò tra cinque anni.

Cosa fai per sentirti OUT OF THE BOX?

Più che “Out Of The Box”, mi definirei ‘Out Of My Mind”. Non sono coerente, credo che la coerenza sia innaturale e sopravvalutata. Essere coerenti vorrebbe dire essere sempre uguali al se stesso precedente, e non credo che sia interessante, né salutare. Whitman diceva “Mi contraddico? Certo che mi contraddico.. Sono vasto e contengo moltitudini”. Del resto voi avete mai incontrato qualcuno di completamente, assolutamente, irrimediabilmente coerente? La gente così non esiste, è la classica leggenda metropolitana dell’alligatore nelle fogne. E se anche questa ‘gente coerente’ esistesse, rifletteteci, non sarebbe terribilmente noiosa? Adoro stupire ed essere stupita dalle persone e dal mondo che mi cambia intorno, per questo da anni tengo una lista delle “cose inaspettate che mi rendono eccezionalmente felice”. Un po’ per ricordare alla me stessa futura le mie psicosi personali, un po’ perché adoro vedere come un ‘niente’ è in grado di sconvolgere la mia giornata. Provateci, è un bel esercizio di ottimismo (ed una valida alternativa all’’ascoltare canzoni tristi, quando si è tristi, solo per essere ancora più tristi”).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...